Caccamo (PA) – Da anni pur di praticare la pallavolo non si sono arrese dinanzi a nulla, perfino la mancanza di un’adeguata struttura non ha rappresentato un ostacolo; sono andate avanti con un entusiasmo semplicemente encomiabile. Per questa ragione il Presidente provinciale del Coni Giuseppe Canzone ha voluto premiare lo straordinario impegno delle pallavoliste del Caccamo Volley. Le ragazze, capitanate da Giusy Randazzo e seguite in panchina da Diego Randazzo, con pochissimi mezzi ed allenandosi nella palestra della scuola media del paese, sono riuscite a conquistare la promozione in seconda divisione. «Questo è il vero sport! Che inorgoglisce e ne mette in risalto il vero valore, che va ben oltre l’agonismo ed il risultato ottenuto in campo. – ha detto Canzone, ricevendo l’intera squadra e dirigenti nella sede palermitana del Comitato Olimpico Nazionale. – Da Presidente del Coni ho maturato ancor più quanto importante sia lo sport nella nostra società. In una società che tende a dividere lo sport aggrega ed ha un grande risvolto sociale. Dietro l’agonismo ed il risultato ci sono intenti di gran lunga più nobili. Ho incontrato gente con problemi seri, che tentava con lo sport di superarli e di trovare una dimensione con se stessi. Non sono importanti gli aspetti materiali ma è importante che ci sia l’aggregazione di tutti. Il nostro, quello degli sportivi, non è solo un divertimento, ma è l’assolvimento di una funzione sociale alla quale non possiamo sottrarci». Canzone, che ha auspicato ad una concreta collaborazione tra le squadre di pallavolo del Caccamo e di Trabia, ha inoltre esternato la volontà del Coni a voler migliorare le strutture sportive della provincia, grazie agli aiuti del Credito Sportivo, «ciò contribuirà alla crescita e alla diffusione di tutti gli sport». L’incontro, al quale hanno partecipato oltre allo staff direttivo del Caccamo Volley, il vice Presidente della Fidap Nicola Sunseri, il Dirigente della Raimondo Lanza di Trabia Gianluca Di Vittorio e l’assessore del Comune di Caccamo Giovanni Alongi, è stato l’occasione per conoscere quella che è la casa di tutti gli sportivi, ma soprattutto per scambiarsi buone pratiche volte a promuovere lo sport a tutti i livelli. A suggellare la giornata la consegna delle medaglie e la coppa del Coni.

LASCIA UN COMMENTO