Museo del motorismo

Termini Imerese (Pa) – Sabato 24 febbraio, a partire dalle ore 10,30, nella sala La Barbera della sede storica del comune di Termini Imerese sarà presentata la stagione motoristica 2018 Ninni Rotolo. L’evento, promosso dall’assessore allo Sport, Salvatore Messineo,  è in collaborazione con CST Sport, Himera Corse, Targa Racing Club, museo del Motorismo Siciliano e della Targa Florio.

“Abbiamo voluto fortemente questo evento in città per valorizzare i nostri talenti – ha affermato l’assessore allo Sport, Salvatore Messineo -, figli di questa passione che è la Targa Florio, la gara più antica del mondo nata a Termini Imerese dal 1906, che ancora una volta produce talenti. Si tratta di una importante occasione per il nostro territorio e per il rilancio dello sport termitano e di questa storica tradizione”.

“Siamo lieti di poter accogliere la presentazione del nostro Ninni Rotolo – ha aggiunto il sindaco Francesco Giunta -. L’evento rientra nel quadro programmatico dell’amministrazione comunale che ha posto al centro della propria azione amministrativa intesa come sport, attività sociali, aggregazione, turismo, rilancio del nostro territorio, promozione della nostra storia. Finalmente la nostra città torna ad essere città dei motori di fatto e non solo di nome, nei mesi scorsi sono state organizzate diverse manifestazioni che riguardano il motorismo – ha concluso il primo cittadino -.

Termini Imerese, nel 2018,  sarà anche al centro del programma della 102a Targa Florio.

“Siamo lieti di accogliere e custodire in attesa della prima di campionato nel nostro museo la splendida sport car di Ninni Rotolo – ha affermato il fondatore del museo del Motorismo Siciliano e della Targa Florio, Nuccio Salemi -. Invitiamo tutta la cittadinanza a osservare questo gioiello in maniera del tutto gratuita. Colgo l’occasione per ricordare che il museo è sempre aperto dalle ore 9 alle ore 13 e dalle ore 15 alle ore 20, tutti i giorni, compresi i festivi”.

Ninni Rotolo è nato l’otto maggio del 1987, a Termini Imerese. La sua attività agonistica nel mondo delle competizioni è cominciata sin da piccolo e come tante cose che succedono nella vita, è nata per una passione tramandata dalla famiglia.

Dal bisnonno Domenico Rotolo (Mimì per gli amici) grande appassionato di automobilismo, che iniziò la sua carriera partecipando nel 1950 alla Targa Florio con una Fiat Siata Balilla, fu così fino al 1964 dove cambiò vettura con una Osca MT14.

Dopo di lui, ebbero gli inizi del nonno Antonino Rotolo (Nino per gli amici), che collezionò numerose gare tra Cronoscalate e Rally di allora con una Fiat 600, Fiat 124 spider ecc, arrivando al Papà Mario Rotolo, che insieme (al suo di papà) iniziò con ben due Giri di Sicilia a bordo della Simca Rally 2, per poi proseguire con Cronoscalate e Slalom, con varie turismo e prototipi, quali Porsche,  Fiat 124, Simca Rally 2, Bellasi, DRM, Grac Mt14B, Osella pa/21, Ligier Js 51 Cn2.

Infine arriviamo a Ninni, che dopo tanti anni a seguire papà nei vari campi di gara, non aspettava altro che arrivasse il suo di turno, questo, dopo avere restaurato la tanto amata Simca Rally 2 insieme a papà Mario ed allo Zio Giuseppe (pedina fondamentale) arrivò il debutto alla 60a Coppa Nissena, da li dopo un anno la scelta di fare esperienza con la Formula Gloria nella specialità salita. Il resto è tutta storia recente.
Nel 2015 approda nelle fila della plurititolata scuderia siciliana S.G.B. Rallye che decide di puntare su di lui per entrare in una specialità per loro nuova essendo da anni ai vertici dei Rally. La scomessa della scuderia viene ripagata nel 2016 con la vittoria nel Civm e nel Tivm oltre che nel Siciliano salite.

LASCIA UN COMMENTO