Da sx:Abdelaziz Essid con Vadalà Bertini

Messina – In occasione della visita a Messina della delegazione dell’Ordine Nazionale degli Avvocati della Tunisia, l’Associazione Motonautica e Velica Peloritana ha ospitato il premio Nobel per la Pace 2015, Abdelaziz Essid.

Si è aperto un confronto reciproco sulle tematiche della diversità ed integrazione, sulle quali l’avvocato Essid ha praticamente fondato la ragion d’essere del proprio operato professionale ma soprattutto sociale e che lo ha visto coinvolto in prima linea – come noto – nelle dure “battaglie” della “primavera araba” finalizzate alla libertà del proprio popolo contro ogni forma di terrorismo e per il rispetto degli essenziali principi democratici.

Oggi – dichiara Essid – la situazione in Tunisia è senz’altro diversa, si respira una nuova aria, ma occorre sempre tenere alta la guardia. I fatti dell’Hotel Imperial e la successiva rinascita di questo luogo, ci danno forza e vigore per andare avanti nell’affermazione dei nostri principi di uguaglianza e democrazia”.    

La visita dell’illustre ospite con il quale si sono intrattenuti insieme agli avvocati tunisini componenti dell’Ordine nazionale, ha arricchito il già ragguardevole “palmares” della Motonautica che, oramai alla soglia dei 70 anni dalla sua fondazione ed al di là degli eventi e delle attività interne promosse dal prestigioso circolo presieduto da Giuseppe Vadalà Bertini, ha intrapreso un forte impegno nella sensibilizzazione della multiculturalità e nella promozione di sempre più importanti manifestazioni a carattere sociale e culturale. 

LASCIA UN COMMENTO