L’atleta Cristian Bonaccina
Il team Handy Sport

Un’altra grande soddisfazione per l’atleta paralimpico Handy Sport Cristian Bonaccina, classe ‘82, di Domodossola: la convocazione alla Nazionale Italiana di Calcio a 7 in occasione del raduno tecnico degli atleti con cerebrolesione tenutosi al “Tre Fontane” di Roma nel weekend del 17 e 18 novembre scorsi.


Bonaccina è da sempre un osso duro dello sport, ancor prima dell’incidente che, nel 1999, mise in stand-by la sua attività agonistica. Durante la sua carriera, iniziata nel 2005, ha praticato principalmente pallavolo (militava nella squadra di Treviso), corsa (100, 200, 400 metri) e salto in lungo. In particolare, i 200 metri gli hanno sempre dato grandi soddisfazioni, con la sua continua riconferma, anno per anno fin dal 2005, come campione italiano.

Il suo percorso è stato un crescendo di importanti risultati, come ad esempio la partecipazione ai campionati internazionali di atletica nel 2008. Fino al suo ingresso in Handy Sport circa 6 mesi fa: “Il presidente Gino Iacono mi ha coinvolto – racconta l’atleta – in questa nuova avventura, all’interno di un gruppo composto da persone meravigliose, una vera grande famiglia”.


Adesso Bonaccina fa parte della Nazionale Italiana di Calcio a 7 e durante il raduno tecnico di Roma si è posto nuovi ed importanti obiettivi: portare in alto il team Handy Sport Ragusa (che ha come sponsor tecnico ufficiale Orthom Group) anche nel 2019 agli Europei, un sogno per lui, la sua squadra e per l’Italia.

Voltandosi indietro fra i ricordi della sua vita e della sua carriera sportiva, Bonaccina rivolge un pensiero al suo amico fraterno di una vita, Angelo Petrulli, che lo ha risvegliato dal buio in cui era piombato dopo l’incidente e lo ha spinto a ricominciare, a lottare per i suoi obiettivi e a non sprecare il suo talento. “E’ stata una persona molto importante per me, più di un amico, un uomo veramente speciale. Adesso che è volato in cielo, ritengo doveroso dedicargli i miei successi”.


LASCIA UN COMMENTO