Messina 7 febbraio 2017 – Il CUS Unime torna a casa a mani vuote, sconfitto al PalaTorre per 3-0 dalle padrone di casa della
Saracena All Work Volley, nell’incontro valido per la prima giornata del girone di ritorno del
campionato di serie c femminile (girone b).
Le padrone di casa sono brave a dettare il proprio gioco sin dalle battute iniziali e per tutto il corso
del match, trascinate soprattutto trascinate dagli attacchi e dall’esperienza dei due posti quattro,
Reitano e Foraci. Le universitarie, dal canto loro, non riescono a metabolizzare le tante assenze in
rosa, e scendono n campo prive della giusta concentrazione, consegnando tre punti pieni alle
avversarie.
Nei primi due set, comunque, le ospiti fanno sudare le padrone di casa: le due squadre procedono
punto a punto fino alla metà del set; ma sia nel primo che nel secondo periodo sono le atlete allenate
da mister Silvestre a trovare l’allungo decisivo, scardinando la difesa universitaria con un buon
servizio ed un gioco più veloce delle messinesi. 25-19 e 25-17 i due parziali. Nel terzo set, invece, le
cussine quasi non oppongono resistenza, demotivate dal passivo forse troppo ingeneroso. Senza
particolari difficoltà, cosi, la Saracena chiude anche l’ultimo parziale per 25-13 ed agguanta l’intera
posta in palio.
Sapevamo che replicare il 3-2 dell’andata sarebbe stato particolarmente complicato – commenta al
termine dell’incontro il libero Federica Currò – e sicuramente giocare fuori casa e senza alcuni
elementi importanti non ci ha messo nelle condizioni psicologiche di giocarcela alla pari con le
avversarie. Adesso abbiamo intenzione di archiviare subito questa brutta sconfitta e già siamo
proiettate per preparare al meglio l’incontro del prossimo turno”.
Saracena All Work Volley – CUS Unime 3-0 (25-17, 25-19, 25-13)
Saracena All Work Volley: Reitano, Taviano, Magistro, Foraci Ve. (L1), Merlo, Sergi, Agnello,
Ferracù, Agnello N., Tumeno, Foraci Va (K), Anastasi (L2). All. Silvestre M.
CUS Unime: Maisano, D’Arrigo, Migale, Venuto (K), Arena, Giuffrida, Raccuia, Currò (L), Alibrandi,
Chiofalo. All. Leandri V.
Valeria Ruggeri

LASCIA UN COMMENTO