Catania 9 maggio 2017 – Al via la IX edizione di Corri Catania, la corsa-camminata di solidarietà
aperta a tutti che si svolgerà domenica 14 maggio con inizio alle 9 da
piazza Università, area cittadina che sin da giovedì 11 maggio ospiterà
anche il CorriCatania Village.
“Un grande evento sportivo carico di un forte valore sociale che è anche
esempio della Catania che vogliamo”: così ha definito la Corri Catania il
sindaco Enzo Bianco nel corso della presentazione che si è svolta nella
sala Giunta di Palazzo degli Elefanti con l’intervento degli organizzatori
Elena Cambiaghi, Giovanni Nania e Carmelo Prestipino dell’Associazione
sportiva dilettantistica “Corri Catania”. Erano presenti, oltre al Sindaco,
il questore Giuseppe Gualtieri, l’assessore regionale allo Sport Anthony
Barbagallo, l’assessore comunale alla Scuola e allo Sport Valentina
Scialfa, il direttore generale del Policlinico di Catania Paolo Cantaro, il
capo di Gabinetto del Sindaco Beppe Spampinato e diversi rappresentanti
delle forze dell’ordine e del mondo civile, militare e sportivo.
La cinque chilometri di corsa avrà quest’anno come slogan ‘Catania corre
per Catania’ e seguirà “Il giro delle 10 piazze” lungo un percorso nel
centro storico che inizierà e si concluderà in piazza Università.
“Catania non solo si è rialzata, ma corre – ha detto Bianco – grazie al
coinvolgimento di migliaia di persone in un’iniziativa che paragonerei a
una nave rompighiaccio, capace di contagiare con la sua allegria e
gioiosità. E’ lo stesso entusiasmo che ha animato ieri il successo del
Lungomare liberato o del Pop up market nella Villa Bellini, con tantissimi
catanesi che finalmente si riappropriano della loro città”.
Elena Cambiaghi, dopo aver ringraziato il sindaco Bianco e l’assessore
Scialfa che con il suo assessorato è il “braccio operativo dell’evento” –
ha spiegato come gli introiti della corsa, che lo scorso anno ha coinvolto
quasi 32 mila partecipanti, serviranno a finanziare il progetto ‘Ospedale a
colori’ con l’allestimento a misura di bambino dell’area pediatrica del
Policlinico. L’obiettivo è quello di rendere più serena l’ospedalizzazione
dei piccoli pazienti e garantire loro la migliore accoglienza possibile.
Il Questore Gualtieri ha sottolineato come il cammino della cultura della
legalità passi anche attraverso manifestazioni come la CorriCatania, mentre
l’assessore Barbagallo, che ha portato i saluti della Regione, ha
evidenziato che “la più grande e partecipata corsa non competitiva della
Sicilia è frutto di un’ottima organizzazione ma anche di un lavoro di
squadra che non può che fare bene allo sport”.
Paolo Cantaro, direttore dell’ospedale destinatario del progetto, si è
soffermato fra l’altro sul valore di riscatto sociale che ha assunto la
manifestazione per Catania. L’assessore Scialfa ha sottolineato
l’importanza di un evento che coinvolge tutta la città, ringraziando in
particolare le scuole che hanno aderito all’iniziativa e i tanti ragazzi
che parteciperanno.
La corsa-camminata di domenica, dopo il raduno previsto alle 9 in piazza
Università, inizierà alle 10 dalla stessa area e si snoderà attraverso:
via Etnea, via Umberto, piazza Vittorio Emanuele, via Umberto, piazza
Jolanda, viale della Libertà, via Mascagni, piazza Bovio, via Verdi, piazza
Carlo Alberto, via Puccini, piazza Spirito Santo, via Coppola, via Michele
Rapisardi, piazza Bellini, via Teatro Massimo, via Ventimiglia, piazza
Cutelli, via Porta diu Ferro, via del Vecchio Bastione, piazza Duca di
Genova, via Museo Biscari, piazza San Placido, via Vittorio Emanuele e via
Etnea, per concludersi infine in piazza Università.
Il CorriCatania Village offrirà nel week end gratuitamente dalle 10 alle
20, a partire dalle 15.30 di giovedì, un ricco programma di attività tra
benessere, musica, animazione, spettacolo e soprattutto sport, con il
Torneo Street Soccer Cup e il RoadShow Run Card dedicato alla corsa. Tra
gli appuntamenti, venerdì alle 10.30 è prevista la premiazione del
concorso per le scuole “Colori e parole” mentre alle 17.30 sono in
programma le attività del coordinamento della protezione civile su
“Disostruzioni pediatriche delle vie aeree” e “Viviamo in sicurezza: norme
comportamentali di protezione civile e sicurezza”.

LASCIA UN COMMENTO