Messina – Un vero e proprio test verità quello che attende il CUS Unime al rientro dopo la pausa pasquale. Quando mancano cinque turni dalla conclusione della stagione regolare e con i giochi per l’accesso ai playoff ancora apertissimi, la truppa universitaria domani farà visita al Telimar Palermo (palla a due alle ore 17.00), compagine costruita per tentare il salto di categoria ed attualmente 1 punto dietro rispetto ai messinesi che, invece, si attestano sorprendentemente in quarta posizione a quota 33 lunghezze.

Con il pokerissimo di vittorie i gialloblù riprendono il campionato con il chiaro intento di proseguire la splendida cavalcata, tentando di conquistare punti pesantissimi e di rifarsi dalla sconfitta subita all’andata quando, alla cittadella sportiva universitaria, i palermitani si imposero con un 12-9 finale. Rispetto a quella partita, però, gli universitari possono contare tra i pali del portiere titolare (all’andata assente perché infortunato) e, soprattutto, su uno splendido momento di forma che è valso la conquista di ben 15 punti consecutivi. Ad attenderli, però, un Telimar che ha assoluto bisogno di recuperare punti ed entusiasmo, dopo qualche passaggio a vuoto nelle ultime uscite. La vittoria, infatti, manca ai palermitani da ben 4 turni (gli ultimi 3 punti sono arrivati in casa dei Muri Antichi lo scorso 23 marzo) e nell’ultima uscita i ragazzi allenati da Mister Mustur hanno dovuto anche subire la pesante sconfitta davanti ai propri tifosi per mano del Pescara. Con 1 solo punto in 3 partite la società palermitana ha optato anche per l’avvicendamento del tecnico, portando in panchina Ivano Quartuccio, tecnico dalla grande esperienza ad alti livelli (vincitore anche di alcuni Scudetti a livello giovanile), che vorrà certamente inaugurare nel migliore dei modi il suo corso e regalare gioie sin da subito ai propri tifosi.

Sarà una vera e propria battaglia, dunque, quella che attenderà i cussini pronti, però, a dare il massimo per tentare il colpaccio in un campo difficilissimo, dove è inciampata persino la capolista fermata sul pari.

Siamo reduci da un bel filotto di vittorie che ci hanno proiettato con entusiasmo nelle parti altissime della graduatoria. Adesso, però, definiremo meglio il nostro futuro perché affronteremo nei prossimi incontri squadra costruite per il salto di categoria: noi cercheremo di far punti con tutte e di arrivare più in alto possibile, consapevoli che non sarà affatto semplice. Il Telimar è uno squadrone che anche con il cambio del tecnico vorrà puntare a batterci ed arrivare sino in fondo più in alto possibile. Sappiamo che troveremo una piscina caldissima ed una squadra agguerrita ma siamo consapevoli dei nostri mezzi. Sarà una delle 5/6 finali che ci aspettano e dovremo essere bravi a farci trovare pronti”.

V.R.

Link intervista a Sergio Naccari: https://we.tl/t-O05V3jfCVi

LASCIA UN COMMENTO