Ragusa – Il cuore, il coraggio, la grande fisicità e la fame di vittorie di una squadra che è stata capace di compiere una rimonta eccezionale con la Reyer Venezia, e che dopo essere stata sotto per 2-0 ha conquistato con pieno merito la finale scudetto battendo le lagunari per 2-3, vincendo tre partite consecutive. L’ultima, proprio in casa di Venezia, che nel primo quarto è stata letteralmente annichilita dalla partenza super della squadra di coach Recupido, capace di chiudere il primo quarto sul punteggio di 13-33 e il secondo quarto 25-56. Ragusa ha poi dovuto resistere al ritorno delle padrone di casa che nella seconda parte di gara si erano fatte sotto con veemenza, ma è rimasta con la testa giusta nella partita, e alla fine il tabellone luminoso del Taliercio segnava 76-82, con  quattro ragusane in doppia cifra: Hamby (25), Kuster (15), Harmon (12) e Cinili (10). La Passalacqua conquista la quarta finale scudetto in sei anni di permanenza nella massima serie, e anche questa volta troverà il Famila Schio, che difenderà il tricolore cucito sul petto ma che Consolini e compagne quest’anno hanno battuto due volte su tre tra campionato e coppa Italia. “Abbiamo messo in campo l’anima che avevamo avuto in questi mesi e quella che avevamo messo a Ragusa ma che non avevamo avuto nelle prime due partite di questa serie – commenta coach Gianni Recupido – Ribadisco i complimenti a Venezia perché ha fatto di tutto per metterci i bastoni tra le ruote. Quando non siamo riusciti a correre hanno vinto loro, quando l’abbiamo messa sul nostro gioco più congeniale allora abbiamo trovato la chiave giusta. Nelle prime due partite sono riusciti a non farci correre, nelle altre due ci sono riusciti a tratti, ma lì abbiamo preso consapevolezza di ciò che andava fatto per vincere questa serie. Adesso dobbiamo essere bravissimi a resettare, anche perché rimontare dal 2-0 al 2-3 ci ha costretto ad un dispendio di energie mentali notevole. La stagione è già bella così ma adesso deve venirci ancora più fame. Schio? Ha tradizione, abitudine, un gruppo giocatrici di gran classe, partiamo da sfavoriti e dobbiamo andare lì a credere nelle nostre possibilità”.

Si giocano le prime due partite al PalaRomare di Schio l’1 e il 3 maggio, quindi gara3 è in programma al Palaminardi il 7 maggio; eventuale gara4 sarà il 9 maggio ed eventuale gara5 il 12 maggio.

Michele Farinaccio

LASCIA UN COMMENTO