Messina – Riparte con una marcia in più la stagione agonistica natatoria del Cus Unime. I tanti bei risultati arrivati nelle passate stagioni non sembrano assolutamente aver appagato la società gialloblu che, al contrario, sulla spinta proprio dell’ottimo lavoro svolto aggiorna la propria programmazione ponendo nuovi ed importanti obiettivi a medio e lungo termine.

Dopo le splendide ultime tre stagioni al Cus Unime abbiamo sentito la necessità di programmare un progetto più ad ampio respiro – questa la disamina del Responsabile Tecnico cussino Francesco Spada – I risultati ottenuti sono stati veramente soddisfacenti ma a prescindere da questi sentiamo nelle nostre corde la possibilità di darci nuovi e più ambiziosi obiettivi”.

Le ultime stagioni agonistiche hanno evidenziato la positività del progetto pluriennale posto in essere dagli universitari. La crescita è stata importante dal punto di vista numerico ma, soprattutto, sono arrivare le prime vere soddisfazioni in termini di qualità, segno del lavoro corretto svolto a bordo vasca a partire dal settore Propaganda, seguito da Ulla Manganaro, per proseguire con gli Esordienti B ed A allenati da Daniele Marino, finendo poi con le categorie Ragazzi ed Assoluti seguite da Spada e Simone Zappia.

Abbiamo raggiunto ottimi livelli – prosegue Spada – ma a questo punto ci interessa puntare ad entrare a far parte del nuoto siciliano che conta. Insieme a Simone Zappia – Tecnico della Categoria Ragazzi ed Assoluti – abbiamo riprogrammato lavoro ed obiettivi rafforzando ulteriormente il nostro progetto con l’importante innesto di Alessandro Torre, sino alla scorsa stagione allenatore dell’Island di Barcellona, entusiasta del piano di avvicinarsi con il suo gruppo di atleti al Cus Unime ed inserirsi anche nei quadri tecnici del settore agonisti nuoto. Un inserimento decisamente importante non solo dal punto di vista quantitativo, permettendoci di passare dalla cinquantina di atleti della passata stagione ad oltre 100 tesserati agonisti, ma anche dal punto di vista della qualità, potendo contare su tanti atleti di alto livello”.

Un progetto, dunque, che permette di guardare ai prossimi anni con tanta positività, come conclude Spada: “Il progetto è sicuramente impegnativo e richiede un grosso sacrificio organizzativo da parte di società, staff, genitori ed atleti, ringraziando in particolare il Presidente Micali ed il Direttore Sportivo Naccari. Detto questo, però, siamo tutti convinti che si tratti di un progetto importante che speriamo di concretizzare con una stagione al top tra le siciliane e con i primi italiani raggiunti da parte degli atleti di questo CUS. Mi auguro che tutto possa proseguire secondo i nostri piani ripagando l’enorme entusiasmo che noi ed i genitori dei nostri atleti stiamo mettendo in campo”

LASCIA UN COMMENTO